Graduatoria unica nazionale Medicina e Odontoiatria: punteggi minimi e massimi, rapporto domande posti disponibili e altre statistiche A.A. 2013-2014

giovedì 24 Ottobre, 2013 - Leggi i commenti

Graduatoria unica nazionale per Medicina e Odontoiatria: punteggi minimi e massimi (anche per ogni singolo Ateneo). Sono altresì indicate i punteggi minimi e massimi per ogni singola materia d’esame.
Rapporto domande – posti disponibili per ogni Ateneo italiano.
E altre statistiche.

Le tabelle sono disponibili qui:
statistiche Medicina-Odontoiatria 2013-2014

Alcune indicazioni sintetiche:

  • Il punteggio più alto in assoluto è di 80,90 (l’unico che ha superato 80/90).
  • Nessuno studente ha raggiunto il massimo 90/90.
  • 41,30 è stato il punteggio minimo per essere ammessi. 143 studenti hanno ottenuto questo punteggio, ma solo 4 rientrano nella graduatoria.

N.B. il punteggio minimo di 41,30 è tale in base alla (prima) graduatoria nazionale, poi con i vari scorrimenti (e rinuncie varie) si abbasserà sicuramente di qualche altro punto (nota: si fa presente che il punteggio minimo, in un uno degli ultimi scorrimenti, che però non è ancora l’ultimo, si è attestato a 38 punti…).

 

  1. ciao grazie per la risposta !! gentilissimi:-) un’ultima cosa per le irregolarita’ del caso bari,voi pensate ci saranno sorprese? credete che non faranno niente e lasceranno le cose per come stanno opure prenderanno dei provvedimenti? secondo voi per chi fara’ ricorso ci sara’ qualche chance ?grazie mille ancora xd

    1. x franco
      non mi occupo di queste cose nè sono informato quindi non è a noi che deve chiedere per evetuali irregolarita e possibili ricorsi.

  2. salve con un punteggio di 26.7 e avendo messo tutte le scelte per medicina e odontoiatria c’e’ qualche possibilita’ di essere ripescato verso ottobre?grazie mille

  3. Salve! Ho controllato la graduatoria dell’ateneo in cui ho sostenuto il test di medicina lo scorso 8 aprile (Bologna) e sono risultata nella posizione 549. I posti disponibili nel bando dell’ateneo sono 400. C’è la possibilità che si scorra fino alla mia posizione nell’ateneo fino a quando si chiuderà la graduatoria considerando anche l’andamento dello scorso anno?

    1. x Serena
      penso di no, perchè a bologna per essere sicuri di entrare bisogna aver fatto almeno 38.2 (e credo che lei non l’abbia totalizzato questo punteggio). Legga la tabella che trova qui così capisce…

  4. Ok adesso siamo d’accordo, e penso che siamo anche d’accordo che quindi nel mio caso non si possono fare previsioni..grazie mille

    1. x Stefano
      ovvio che lei non può sapere se è entrato a ferrara… perchè chi è entrato in sedi specifiche sono solo quelli indicati dalla tabella: ossia punteggio minimo indicato => ateneo specifico. Lei può solo sapere che ha passato il test avendo preso 33.9 o di più (sempre che abbia messo tutte le sedi), “dove entrerà” però ad oggi non lo può sapere…

  5. Ok, per farle capire meglio, vedrà che al contrario di quanto scritto, se uno studente x ha fatto 33.9 e ha scelto come primo ateneo ferrara (compreso in “tutte le altre”) questo non entrerà mai con quel punteggio, visto le persone scartate da altri atenei come Padova, Milano ecc.. che lo supereranno in graduatoria. E lo stesso varrà per molti altri atenei. Il punteggio di 33.9, minimo indispensabile, alla fine consentirà di entrare in uno massimo due atenei d’Italia, come l’anno scorso con 41 a Catanzaro.
    Spero di non aver disturbato, e se ho fatto ció mi dispiace.
    Cordialità e grazie per il tempo dedicatomi.

    1. x Stefano
      mi sa che non ha capito come si legge la tabella… 33.9 è il punteggio minimo assoluto (ossia con questo punteggio da qualche parte si entra se si sono messe tutte le sedi), quindi se tizio ha fatto 33.9 passa, da qualche parte ma passa. Ora può tizio passare a ferrara con 33.9? non si sa se entrerà a ferrara! (si sa invece che da qualche parte entrerà, magari nell’ultimo ateneo d’italia ma entrerà) e perchè non si sa se entrerà a ferrara visto che la tabella indica che in tutti gli altri atenei il punteggio minimo è 33.9?? perchè se tizio che ha fatto il test a milano bicocca e ha preso 34 ecco costui non entrerà nè a milano bicocca e nemmeno negli atenei specificatamente indicati dalla tabella perchè non ha il voto minimo richiesto, e allora mettiamo che tra le sue preferenze ci sia anche ferrara (il suo caso per capirci) quindi dovrebbe entrare lì dirà lei… e invece non si sa se entrerà a ferrara si sa solo che da qualche parte entrerà perchè il minimo è 33.9, e il punto chiave è questo: non si sa se entrerà a ferrara perchè tizio che ha fatto 34 gli prende il posto!!! quindi l’aspirante ferrarese scalerà in altro ateneo… e il punteggio minimo A FERRARA (ben inteso!) sarà mettiamo proprio 34…
      la tabella dice che in tutti gli (altri) atenei il minimo è 33.9, ovvio che è corretto! ma da intendersi quale voto minimo assoluto, poi nello specifico alcuni di questi altri atenei avranno anche più di 33.9 come voto minimo di accesso ma il minimo ASSOLUTO (cioè in almeno una sede) sarà 33.9… chiaro ora?
      La tabella indica che in tutti gli altri atenei il voto minimo è 33.9 perchè non si sa quale sarà o saranno gli atenei che avranno 33.9 ma un ateneo almeno avrà 33.9 (magari pure ferrara potrebbe avere 33.9 magari in compartecipazione con un’altro ateno o più di uno, questo non si può sapere oggi) è così che si legge la tabella anche perchè come si fa a sapere quali sono le preferenze messe dai candidati -almeno- ad oggi per poter affermare quali ateni avranno il minimo di 33.9 quali di 34 quali di 34.10 ecc???

  6. Grazie, ma dubito molto riguardo alla verità della tabella. Ad esempio c’è scritto che per tutte le altre sedi bastano 33.9 punti, quando è palese che ció non è veritiero, ad esempio a Ferrara ci vorrà un punteggio molto più alto, o a Firenze, per non parlare di molte altre. Non consideriamo tabelle che non calcolano minimamente le scelte diverse dalla prima, che portano ad un innalzamento del punteggio non indifferente.

    1. x Stefano
      primo, se non ci crede è inutile che mi faccia la domanda…! poi la tabella di quest’anno l’ha fatta il giornale Repubblica legga qui, terzo il punteggio minimo è 33.9 e non ci piove, quarto non so proprio cosa voglia dire dicendo “Non consideriamo tabelle che non calcolano minimamente le scelte diverse dalla prima, che portano ad un innalzamento del punteggio non indifferente.” perchè è una cosa che non ha senso riferita al punteggio minimo assoluto di accesso che appunto è 33.9, quinto i punteggi indicati nella tabella per gli atenei specificatamente indicati sono i punteggi minimi di accesso per coloro che hanno fatto il test in quelle sedi (prima preferenza perciò), il che vuol dire che se tizio ha fatto il test a milano bicocca è ha preso meno di 40.7 a milano bicocca non entra.
      A questo punto chiudo qui la cosa e a lei non resta altro che aspettare il 12 maggio quando uscirà la classifica nominale.

  7. Mi scusi vorrei illustrarle la mia situazione, ho totalizzato un punteggio di 36 punti, circa 7800 in gradiatoria, so che non puó dire niente e che non vuole illudermi, ma la prego di dirmi se per lei posso essere entrato in una delle seguenti e uniche scelte da me messe:
    Padova, Verona, Milano Bic., Udine, Milano, Firenze, Siena, modena, Ferrara, Brescia, Bologna, Trieste. Spero in un suo parere. Delle tabelle non mi fido visto che sono approssimative e non considerano le scelte diverse dalla prima.

  8. Caro professore , volevo illustarLe la mia situazione : sono arrivato circa 2500 in graduatoria , ma ho messo come preferenze solamente milano , bicocca e Varese . Secondo lei potrei essere ammesso a Milano?

  9. Buongiorno,vorrei avere un chiarimento …:il candidato Rossi arriva 1500esimo in graduatoria nazionale e ha ,per esempio,come SECONDA scelta Firenze e il candidato Verdi arriva 1499esimo e ha come TERZA scelta Firenze….bene;e’ rimasto solo UN posto a firenze…chi ci va dei due?…o meglio,chi scieglie per primo?In pratica per il Miur ha la precedenza il meglio piazzato o l’odine di scelta…spero di essermi spiegato bene.cordiali saluti e grazie

    1. x alessandro
      a firenze va il candidato Verdi perchè ha fatto più punti del candidato Rossi. E non si tratta di scegliere per primo, perchè nessun candidato sceglie ma è la classifica che assegna o prenota. Il prenotato può sperare di andare in una sede più in sù se in questa sede qualcuno non si immatricola e quindi libera un posto.
      La classifica è per punteggio non per preferenza. Le preferenze servono per individuare dove uno studente è immatricolabile, quindi scorrendole quando è immatricolabile nella prima delle preferenze indicate sarà assegnato lì altrimenti scala fino a quando si trova una sede dove è immatricolabile. E quindi ripetendo, se è scalato di una preferenza sarà presso tale sede prenotato e avrà la speranza, qualora nella precedente sede non si completino i posti di essere successivamente qui assegnato. In altre parole: se Verdi non si immatricola a firenze allora libera un posto e il “primo per punteggio successivo” cioè Rossi (che nel frattempo è prenotato nella quarta sede) diventerà assegnato nella terza cioè a firenze…

      1. X TUTTI: I PUNTEGGI NECESSARI PER L’ACCESSO A MEDICINA E ODONTOIATRIA NELLE SEDI PRESCELTE
        sono disponibili le tabelle indicanti i punteggi minimi per l’accesso nelle sedi prescelte, LEGGI QUI

  10. Gentile professore
    vorrei sapere se la prima prenotazione la porterò dietro ad ogni scorrimento oppure la perderò venendomene assegnata una nuova.
    sono in graduatoria ad 8800 posto con tutte le 72 preferenze inserite.
    Quali documenti devo preparare per l’eventuale iscrizione tenuto conto che l’esame di stato ancora non si è svolto?
    grazie

    1. x ida
      no non lo perde. esempio lei ha messo prima scelta roma, seconda scelta milano, terza scelta firenze, quarta scelta padova. alla prima classifica lei risulta prenotata a firenze, quindi non si iscrive e aspetta lo scalamento (il 1°), sperando così di andare una sede più in sù, cioè milano…cosa può succedere a questo scalamento? che lei sia assegnata a milano (perchè qualcuno degli assegnati non si è iscritto a milano. difficile invece finire a roma perchè di solito la prima sede copre subito i suoi posti) oppure che sia ancora prenotata a firenze. poi, 2° scalamento: se a milano si coprono tutti i posti, lei risulterà assegnata a firenze, quindi si deve iscrivere. e risulterà assegnata a firenze perchè questa è la sua (prossima) sede preferita mentre a milano non ci va più perchè ha coperto tutti i posti; oppure sempre al 2° scalamento lei risulta assegnata milano (perchè i posti non si sono in verità coperti e quindi essendo una sede più in su “vince” su firenze) e in quanto assegnataria si deve iscrivere.
      P.S. lei a padova ci potrà andare soltanto se risulterà almeno prenotata lì. ma se è prenotata a firenze non ci andrà mai perchè diventa prima un’assegnata a firenze e quindi si deve iscrivere, non è che aspetta all’infinito pensando “intanto mi tengo buona firenze se poi arrivo a padova accetto padova” no così non funziona padova viene dopo firenze e quindi se risulterà prenotata a firenze a padova non ci va più perchè prima di poterci andare risulterebbe assegnata firenze o a una delle sedi ancora precedenti…
      Rimane chiaro che se lei volesse iscriversi a firenze e non a milano, quando vede che è prenotata a firenze accetti subito perchè se aspetta poi in linea ipotetica potrebbero assegnarla ancora a milano (perchè l’ha messa prima di firenze) e lì poi si deve proprio iscrivere… in sostanza chi è prenotato può aspirare ad andare in una sede “più in sù” ma se per caso ha messo come sede più in sù una sede che poi in verità non piace tanto, occhio perchè vi conviene accettare la prenotazione che preferite perchè se la fate scalare poi hanno tutto il diritto di assegnarvi alla sede più in sù, che magari non volete più avemdo in seguito cambiato idea… spero di spiegarmi.
      La ratio della graduatoria nazionale è questa: siete assegnati nella migliore sedexpreferenza, siete prenotati nella migliore sedexpreferenza. poi i prenotati possono sperare di andare sù di una sedexpreferenza se qualcuno appunto in quella sede non si iscrive, ma è chiaro che in tal caso al successivo scalamento sarete in questa sede assegnati. in pratica i prenotati possono solo salire di una o più sedi ma non scendere di una o più sedixpreferenza.

      Per il resto veda l’art. 12 e 17 dell’allegato al decreto dove parla di iscrizione sotto condizione (di conseguire la maturità) del pagamento della prima rata di tasse come condizione per l’iscrizione, del successivo perfezionamento dell’iscrizione… il decreto dice tutto basta leggerlo. Poi l’iscrizione avviene secondo le modalità definite da ogni singolo ateneo quindi è a loro che vi dovete rivolgere “per i dettagli” non a me…

  11. gentile professore, mi chiedevo, ma coloro i 0quali hanno superato il test ma precedentemente avevano frequentato altre facolta(es:farmacia, biotecnologie,ctf, chimica)dando esami, sono ammessi al secondo anno di medicina liberando dei posti o vengono ammessi come matricole?dipende dagli atenei?dagli esami sostenuti?o da cosa??

    1. x VANESSA
      ma figuriamoci se liberano dei posti! saranno ammessi come matricole ovviamente ci mancherebbe pure che uno che studia biotecnologie passi dritto dritto al secondo anno di medicina… già sarebbe tanto se gli convalidano un esame… nemmeno per sogno.

  12. Salve! Con un punteggio di 42,6 (posizione 3000 circa)e 25 scelte oltre la prima per un tot di 5900 circa, quante possibilità ho di essere ammesso? Lei ritiene che con 42,6 potrei farcela facilmente dato che i punteggi minimi si sono abbassati di molto? Grazie mille e buon lavoro!

    1. x Pmed
      con 42.6 entra di sicuro anche se ha messo 25 sedi invece che tutte perchè è tra i primi 3000 in graduatoria e non serve fare altri calcoli…

  13. Con 38.20 ho possibilità di rientrare nella prima scelta (l’aquila) (140 + 20 stranieri)? Dai miei calcoli sarei intorno alla 65.ma posizione con l’attuale graduatoria.

  14. Grazie. Potrebbe accadere che l’università cui si è assegnati decida che lo studente in questione non può iscriversi prima della rinuncia? Nel qual caso 4 giorni sono pochini e allora addio sogni? Grazie ancora.

    1. x gaia 93
      e poi non le risponderò più: se lei verrà assegnata presso un ateneo, nei 4 giorni va lì e si iscrive sennò è considerata come se fosse stata bocciata. Questo dice il decreto e delle rinuncie preventive non parla!

  15. Se uno studente ha sostenuto il test di medicina ed è risultato(probabile) vincitore.. Il 20 maggio uscirà la graduatoria e nel decreto è scritto che gli assegnati dovranno immatricolarsi entro 4 giorni. Attualmente tale studente frequenta la facoltà di medicina “Nostra Signora del Buon Consiglio” a Tirana e non capisce come si deve comportare; l’immatricolazione è valida per l’anno accademico 2014-2015 e adesso, dopo aver pagato tutte le tasse e seguito tutte le lezioni del secondo semestre, sarà obbligato a fare la rinuncia senza poter sostenere neanche un esame? Dovrebbe restare fermo 5 mesi, quando potrebbe dare esami che gli verrebbero convalidati, dato che sta studiando proprio medicina. Mi sembra davvero assurdo che dopo tutti i sacrifici che ha fatto quest’anno lo studente in questione sia costretto a rinunciare ad un intero semestre. Secondo me si dovrebbe permettere a tutti una pre-iscrizione,( naturalmente pagando tutte le tasse) ai maturandi e a tutti quei ragazzi che frequentano già una università Italiana o straniera che sia. Ad Agosto, poi,si dovrebbe perfezionare l’iscrizione. Quello che studia uno studente nell’anno accademico 2013/14 non dovrebbe riguardare l’università che comunque lo accoglierebbe di fatto nell’anno accademico successivo. Sbaglio? Pretendere l’iscrizione alla nuova università e la rinuncia alla vecchia a maggio ( Nel frattempo lo studente che fa ?) sarebbe come dire ai maturandi di smettere di andare a scuola a maggio. È vero che in Italia accade di tutto però la logica, vuole che ognuno termini ciò che ha cominciato. Quindi preiscrizione e poi ad agosto iscrizione. Sbaglio? Quattro giorni sono proprio pochi e Tirana non è dietro l’angolo. Sono state contattate un po’ di università e le risposte sono state diverse. Alcune sostengono che bisogna fare immediatamente la rinuncia, altre hanno risposto che non hanno avuto ancora disposizioni in merito. Che si deve fare? Grazie

    1. x gaia 93
      non conosco queste cose perchè non conosco i regolamenti universitari, nè entro nel merito delle regole e ai tempi per l’immatricolazione, se esse siano giuste o meno o dovrebbero essere diverse da quelle che sono.
      Quello che farei io, oltre a contattare subito dopo la graduatoria nominale l’ateneo di assegnazione per avere informazioni, è ovviamente quella di andare lì e di iscrivermi nei 4 giorni di cui al decreto. poi la rinuncia di sicuro non può essere preventiva alla nuova immatricolazione, ma eventualmente contestuale (anche se non credo proprio che di fatto sia così) in tal caso nel modulo di iscrizione ci sarà un punto in cui lei dichiara di rinunciare o che non è iscritta presso altra facoltà (ripeto sono cose che non conosco direttamente, quello che so è che tutto dipende dai singoli regolamenti universitari, quindi è sempre bene chiedere in facoltà -quella in cui sarà assegnata-) poi farà la rinuncia a tirana. Questo è ciò che va fatto e non certo rinunciare prima di iscriversi.
      Infine la convalida esami dipende dai regolamenti interni degli atenei e di solito non è una cosa che si chiede e tic e tac te la danno perchè di quell’esame che si vorrebbe convalidare nel nuovo ateneo di sicuro il nulla osta lo darà poi il professore competente per quella materia o eventualmente la segreteria con il consenso del prof. o del preside della facoltà. In sostanza la convalida degli esami è un procedimento di merito che viene valutato dal prof./università e non una cosa automatica.

  16. Salve, mia figlia ha totalizzato 33,40 a medicina (per adesso è fuori) ma nella domanda ha indicato tutte le sedi, forse sarà ripescata?
    MA … ha fatto anche il test di veterinaria dove invece è ventesima a livello nazionale, e risulta (purtroppo) assegnata nella facoltà scelta, lì è seconda, dico purtroppo perché se risultava prenotata a veterinaria aveva più tempo per sapere e scegliere… Non le sembra strano? fuori a medicina e ventesima a veterinaria! Lei ha trovato delle differenze… nel suo test di medicina corretto.

    1. x Lella
      secondo me può essere ripescata con 33.40 è proprio lì lì… legga anche qui
      Per qunato riguarda veterinaria, diciamo che lei si potrebbe anche iscrivere a veterinaria e pagare la prima rata di tasse, poi se entra medicina e con gli scorrimenti entra in un ateneo che “le piace” e decidesse di voler fare medicina si iscrive a medicina e poi rinuncia a veterinaria, ovvio che paga 2 volte la prima rata di tasse.
      no non mi sembra strano fuori da medicina e ventesima a veterinaria, i test sono di pari livello di difficoltà (e questo dovrebbe riconoscerlo anche sua figlia che li ha fatti) poi a veterinaria i punteggi sono più bassi da sempre rispetto a medicina, ma probabilmente quello che è successo è “l’approccio psicologico al test” a medicina presumo fosse troppo ansiosa mentre a veterinaria è andata lì con uno stato d’animo diverso. E l’approccio psicologico al test è importantissimo quanto la preparazione se non di più. perchè la preparazione ce l’aveva sennò non arrivava 20esima veterinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.